fbpx

Break in Intra. Intervista al jazzman di Milano

17.05.2021, di Martina Iacoangeli

C’è qualcosa che non cambia mai. La sorpresa per un concerto live, l’attesa per un viaggio, la soddisfazione per un buon vino e l’emozione di conoscere e parlare con un grande artista. Uno che di emozioni ne ha date tante, uno di quelli che non ce la fa proprio a risparmiarsi. In occasione della nuova edizione di Break in Jazz al Volvo studio Milano, facciamo un break in Enrico Intra.

Venticinque anni fa Intra era già un pianista affermato e aveva da tempo intrapreso quel percorso artistico tra jazz e musica classica che è oggi il suo autografo. Ebbene, venticinque anni fa ad Intra è venuto in mente di dar vita al progetto Break in Jazz, progetto nato in seno ai Civici Corsi di Jazz della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado a Milano, per dare l’opportunità ai giovani studenti e laureati in jazz di esibirsi, farsi conoscere e ri-conoscere.
Insomma, una grande opera di booking e management dedicata ai jazzisti del futuro.

Abbiamo chiacchierato con Enrico (non senza una certa riverenza) per postare online questa intervista.

Enrico, di un Maestro come lei, che di break non se ne è mai presi, potremmo iniziare a scrivere e non finire mai. Cercherò di essere quindi il più specifica possibile: parliamo di “Break in jazz”. Ecco, questo progetto è un invito a prendersi una pausa musicale o è più una forma di rottura con qualcos’altro?
Break in Jazz è una rottura contro la disattenzione di tutti noi verso la musica che spesso usiamo come sottofondo senza goderne la profondità. Infatti questa occasione dell’aperitivo, che anticipa un dopo consistente come un pranzo o una cena, consentirà poi di avere più appetito ascoltando con profondità il mistero del suono. La profondità di questa forma di arte che trasmette istantaneamente emozioni.

Sa, ho sempre pensato che il jazz sia come una buona storia: si comincia con le premesse e poi nel mezzo può succedere di tutto, ma alla fine ci si ritrova “a casa” per comprendere il senso del racconto. Break in jazz, che porta tantissimi giovani ad esibirsi e a promuoversi, lo vedo un po’ come un “ritorno a casa”, a quello che è importante per il futuro, è così?
Break in Jazz è una tappa importante per i giovani studenti che dovranno calcare le scene nei Teatri. Break in jazz rappresenta un primo passo verso esperienze in cui i loro sogni diventeranno realtà.

Break in Jazz. Tutti i mercoledì al Volvo Studio Milano fino al 16 giugno 2021.

Da talentuoso musicista a organizzatore di eventi, da artefice di stimolanti sinergie a responsabile per i corsi di jazz di uno dei più importanti Istituti di alta formazione musicale, la Civica e adesso talent scout. Quant’è stimolante per lei essere sempre circondato da giovani musicisti?
Avere chi ti ascolta è già un privilegio. Se poi sono i giovani questo fatto è arricchente per entrambi. Il didatta che deve trovare la risposta alla loro domanda, e il giovane che ti ascolta e che forse gli servirà per costruire il suo percorso di maturità. Verso la vita.

Se il jazz italiano oggi ha una sua propria identità e se la città di Milano ne è stata in gran parte protagonista, lo si deve in una certa misura anche a Lei e anche se abbiamo capito che la caparbietà non le manca, pensa che sarebbe riuscito a costruire tutto questo in un’altra città?
Lei mi vuol far dire che a Milano tutto è più facile. Comunque sia. Tutto si può fare se negli incontri tra persone brilla la scintilla del fare. Del fare per gli altri intendo, in ogni comunità. Inoltre sappiamo tutti quanto la provincia da e ha dato alla cultura. Il pensiero non ha limiti.

Una volta lei stesso mi ha parlato dell’importanza di creare legami, di avere una visione comune. Quand’è che nel jazz l’unione fa davvero la forza?
Ribalto la sua domanda. È la Forza del pensare e camminare insieme verso una meta che unisce. Questo fa la forza.
Forse è la stessa cosa. Fare Musica insieme è importante.

BREAK IN JAZZ al Volvo Studio Milano
Tutti i mercoledì fino al 16 giugno
Info su Break in Jazz

APPROFONDIMENTI
ponderosa.it/music-art/musicart-festival
musica.fondazionemilano.eu
musica.fondazionemilano.eu/enrico-intra
italiajazz.it/break-jazz

  • Share

you may also like

Monfortinjazz, dal 10 luglio al 5 agosto 2022

Nel cuore delle Langhe resiste con convinzione Monfortinjazz, da 46 edizioni a questa parte una dei punti di riferimento tra le rassegne di musica dal vivo del nostro Paese. 
Dal 10 luglio al 5 agosto sono cinque le serate sotto le stelle in programma all’Auditorium Horszowski di Monforte d’Alba. Un classico che non è venuto meno nemmeno durante l’estate della prima ondata pandemica nel 2020.

Elio, Ludovico, Margherita, Valerio, Benjamin & C.: quanta bella gente a Verucchio

Musica di qualità senza uno specifico genere di riferimento. Al contrario, tanti generi che si contaminano tra loro, che fanno del Festival di Verucchio un luogo di sperimentazione. Come del resto ha sempre voluto Ludovico Einaudi, a lungo direttore artistico della manifestazione, giunta quest’anno alla sua trentottesima edizione e in programma dal 26 al 31 luglio sul sagrato della Collegiata dello splendido borgo sulle colline riminesi.

Goran Bregović, star dell’edizione 2022 del Festival di Villa Arconati

Il 19 luglio Goran Bregović sarà la star del Festival di Villa Arconati. Da noi , il gran cerimoniere della musica balcanica versione export, è ormai un classico. D’altronde, gli show della sua straordinaria Banda per Matrimoni e Funerali, affollata accolita di cantanti e suonatori serbi e macedoni, bulgari e romeni, difficilmente deludono. 

Piano City Milano 2022. Prospettive nuove sulla città e sulla musica

È iniziato il conto alla rovescia per l’edizione numero 11 di Piano City, la grande festa del pianoforte di Milano, in programma nel fine settimana dal 20 (ma con un live il 19 in anteprima di Francesca Michielin) al 22 maggio.

all
news