fbpx

Arto Lindsay & Melvin Gibbs, che coppia a Torino

di Luca Testoni

Arto Lindsay

Statunitense di nascita, brasiliano d’adozione, ma con un rapporto speciale, per non dire preferenziale, con il nostro Paese. Un rapporto, quello di Arto Lindsay con l’Italia, che si rinnoverà il 5 novembre con un concerto al Circolo degli Artisti a Torino, e che affonda le sue radici addirittura verso la fine degli anni Settanta. «Eravamo molto presi dall’Autonomia e dal Movimento del ’77, ci piaceva questo legame tra politica, teoria, creatività e vita di tutti i giorni. All’epoca, quando suonammo nel vostro Paese coi Lounge Lizards ì (il collettivo free-jazz di John Lurie), mi trattenni a Bologna per un po’ e produssi anche un disco di una formazione locale. Era divertente, ci esibivamo nelle situazioni più disparate: teatri d’opera, Feste dell’Unità, squat punk…», ha ricordato tempo fa il cantante, chitarrista e produttore cresciuto in Brasile al seguito dei genitori, missionari presbiteriani.

Lindsay, a Torino per presentare in anteprima il nuovo album di cui è imminente l’uscita, si esibirà in duo con il versatile bassista Melvin Gibbs, da decenni il suo più stretto collaboratore. I due si conoscono da più di quarant’anni. All’epoca, l’avanguardia musicale newyorkese li vedeva entrambi in prima linea. Gibbs suonava con l’antieroe della chitarra jazz Sonny Sharrock, mentre Lindsay era alla guida del trio DNA, tra i simboli del movimento “No Wave” celebrato da Brian Eno nella raccolta “No New York”. I biografi raccontano che Lindsay abitava assieme a Jim Jarmusch nel Lower East Side, quartiere quantomai degradato a quei tempi, era compagno di eccessi di gente come Jean-Michel Basquiat, e dalla sua chitarra elettrica tirava fuori un suono dissonante, col quale trovava ospitalità nei locali punk come nelle gallerie d’arte.

Col passare dei decenni, complice anche il suo trasferimento in pianta stabile a Rio de Janeiro, Lindsay, look eternamente stropicciato, chitarra tagliente e voce da tenore agile, è poi divenuto portavoce di un post-modernismo musicale che ha fuso il rumorismo degli esordi con le sonorità elettroniche e una rilettura decisamente personale della musica brasiliana. Le frequentazioni con Gibbs hanno poi fatto sì che nel suo avant-pop perennemente rivolto al futuro (ci fosse spazio anche per groove più contemporanei, a cominciare dall’hip-hop. 

Scopri tutte le info su Arto Lindsay al link: https://ponderosa.it/artist/arto-lindsay/

  • Share

you may also like

La prima volta al Festival di Giovanni Truppi

Cresce l’attesa per un esordio eccellente: la prima volta sul palco dell’Ariston da concorrente di Giovanni Truppi, tra le voci migliori e singolari della canzone d’autore di oggi.

Chilly Gonzales al Lirico di Milano: aspettatevi l’inaspettato

Gonzales è conosciuto tanto per l’intimo tocco pianistico della sua più venduta trilogia di album di “solo piano”, quanto per la spettacolarità delle sue esibizioni e le sue composizioni per celebrità pluripremiate.

Climate Space a Milano: cortometraggi e musica per denunciare la crisi climatica

Dal primo dicembre prende il via al Teatro Dal Verme la terza edizione di “Climate Space”, la rassegna cinematografica ideata da Ludovico Einaudi e curata da Francesco Cara che presenterà fino al 18 dicembre ben 15 cortometraggi d’autore provenienti da ogni parte del mondo per raccontare come il cambiamento climatico abbia inciso in diversi angoli del pianeta

“I Lie To You”, il folk in purezza di Micah P. Hinson

“I Lie To You” è un racconto immaginifico e molto personale al tempo stesso in cui mette a nudo passione e sofferenza, fragilità e poesia. Ad arricchire il tutto il suo inconfondibile approccio sospeso tra ironia e visionarietà.

Noa, star di Musica dei Cieli

La Musica dei Cieli ha brillato per la sua originalità sin dall’inizio. Un inizio che, detto per inciso, ci riporta indietro di un quarto di secolo, per l’esattezza al 1996. D’altronde, le linee guida della rassegna promossa dall’Associazione BeatMi hanno rappresentato da subito un unicum: primo, promuovere la conoscenza e il dialogo tra le culture attraverso la musica dal vivo di estrazione popolare e con un occhio di riguardo per le tematiche spirituali; secondo, utilizzare come “palcoscenico” le chiese di Milano e dell’hinterland nel periodo dell’Avvento ambrosiano.

all
news

playlist