Antonio Castrignanò: la musica tradizionale del futuro al Womex Festival

Antonio Castrignanò

14.10.2021, di Luca Testoni

Un “cavallo di razza” della scuderia Ponderosa di scena al Womex, la fiera-festival dedicata da sempre alla world music con vocazione export

Tra gli showcase dal vivo programmati quest’anno dalla prestigiosa kermesse, la cui 27esima edizione è ospitata dal 27 al 31 ottobre ad Oporto, ce n’è infatti uno che vedrà protagonista Antonio Castrignanò, e cioè uno dei personaggi simbolo della riscoperta della tradizione musicale del Salento e, nello specifico, della pizzica tarantata.

Il 44enne musicista e compositore di Calimera, Comune della Grecìa Salentina, il 28 ottobre sarà assieme al suo gruppo, Taranta Sounds, sul palco del teatro Coliseu Porto Ageas, tra i luoghi cult della scena culturale della città portoghese.

La partecipazione al Womex gli offrirà lo spunto di presentare in anteprima alcune canzoni di “Babilonia”, il nuovo album targato Antonio Castrignanò & Taranta Sounds, in uscita per Ponderosa Records il prossimo 18 febbraio.

«Questa non è musica tradizionale, che è già stata. Questa è la musica che sarà. Racconta i temi e i dubbi che oggi ci attanagliano con un linguaggio volutamente rivolto ai giovani», ha spiegato Castrignanò riferendosi al nuovo lavoro. Anche i due singoli che hanno preceduto l’album vanno in questa direzione: Prendete “Masseria Boncuri”, chiaro rimando a un luogo simbolo della lotta contro il caporalato: si snoda lungo un potente groove di corde intrecciate a percussioni che attinge alle sonorità del Mediterraneo per raccontare la realtà e lo sfruttamento nei campi salentini, pugliesi, del mondo intero. Il brano è impreziosito dalla partecipazione di Enzo Avitabile.

E Avitabile non è l’unico ospite eccellente. Hanno lasciato traccia nel ritorno discografico di Castrignanò anche la cantante del Gambia Sona Jobarteh, unica musicista donna a suonare la kora, l’arpa africana; il cantante senegalese Badara Seck; il musicista e produttore turco Mercan Dede; il violoncellista albanese Redi Hasa; e Don Rico, voce storica di Sud Sound System, storica posse salentina.

 

  • Share

you may also like

Musica dal vivo al 100%

Musica dal vivo: sì al 100% della capienza, ma con Green Pass e mascherina

Antonio Castrignanò: Il musico, la principessa e il corpo di ballo

Ci sono tutti gli ingredienti necessari per la scrittura di una bella fiaba. Ci siamo fatti raccontare da Antonio Castrignanò la nascita di “Core Meu”

all
news

playlist