fbpx

Giro d’Italia jazz per il trio danese di Bollani

Di Luca Testoni

Si può essere di successo, per certi versi di “massa”, e ciononostante godere di un apprezzamento critico incondizionato? Sì, se ci si chiama Stefano Bollani. 

Jazzista di prima grandezza, apprezzato anche, e moltissimo, all’estero (un privilegio per pochi eletti di casa nostra…), ma non talebano jazz. Perché il nostro è anche grande performer ed altrettanto abile e godibilissimo divulgatore-intrattenitore. Di Bollani piace il suo essere musicista dai mille ascolti e dalle mille passioni (il jazz su tutto, ma anche la musica brasiliana e il rock), e che quando vai a vederlo la sua scaletta ti stupisce sempre. Perché l’importante è improvvisare. Il suo chioso fisso. Il suo modo di concepire la musica. Manco fosse un artigiano, smonta e rimonta pezzi di composizioni. Sue e non sue. 

Tra le collaborazioni che più gli danno gioia c’è indubbiamente quella, ormai ultraventennale, con una sezione ritmica tutta danese di cui fanno parte anche il contrabbassista Jesper Bodilsen e il batterista Morten Lund. Insieme formano il Danish Trio. Una formazione a dir poco spettacolare.

Bollani & C. saranno in tour per otto concerti nel mese di marzo: il 16 al Teatro Carlo Felice di Genova; il 18 al Teatro di Varese; il 20 al Teatro Verdi di Pisa; il 21 al Teatro Nuovo di Spoleto; il 25 al Teatro degli Arcimboldi di Milano; il 27 all’Europa Auditorium di Bologna; e il 29 all’Auditorium Mont Blanc di Courmayeur (Aosta).

«Nel Danish Trio l’ascolto è un elemento centrale e ciascuno di noi è, in ogni istante, attento a ciò che gli altri stanno suonando, concentrato sul suono nella sua totalità. Sì, è il mio ideale di gruppo jazz», ha dichiarato il cinquantunenne pianista. Una dichiarazione d’amore musicale, no?

All’attivo della formazione una mezza dozzina di album pubblicati dalle etichette Stunt Records, ECM e Act. L’ultimo album del trio, il live “The Music of Sasha Argov”, dedicato all’omonimo compositore israeliano, è stato pubblicato in firmato digitale dall’etichetta personale di Bollani Alobar.

Info & Tickets: https://ponderosa.it/artist/stefano-bollani/

  • Share

you may also like

Suzanne Vega, luglio di concerti nel Belpaese. Tra vecchie e nuove canzoni. Rigorosamente d’autore.

La folksinger newyorkese da quasi 40 anni sulla cresta dell’onda, in Italia per due imperdibili date.

Calibro 35, Danilo Rea, Alabaster DePlume, il cartellone di JAZZMI diventa XL

Una nuova infornata di grandi nomi va ad arricchire il già corposissimo calendario di concerti targato JAZZMI 2024. Tra questi spiccano diversi big della jazz-fusion mondiale.

Nelle sere di luglio leccesi la pizzica si balla sulle punte

La danza classica della Compagnie Les Ballets de Monte Carlo incontra la musica di Antonio Castrignanò & Taranta Sounds, portando in scena sul palco la creazione originale del coreografo Jean-Christophe Maillot.

Ma quanto è bella la world music Made in Romagna dei Supermarket

Un’autentica colonna sonora “all’italiana” per non luoghi e androidi che sognano di esseri umani, un manifesto musicale che si fa portavoce di lunghe serate trascorse all’insegna di una singolare unione tra movimento e un senso di black humor surrealista. Il capostipite della World music romagnola, tra esotismo kitsch e sperimentazione radicale.

all
news

playlist