Micah P. Hinson

Bio

Il termine “trovatore” viene utilizzato fin troppo facilmente oggi giorno, ma nessuno ne racchiude lo spirito del significato originale più di Micah P. Hinson. Orgogliosamente proveniente dal gigantesco stato del Texas, i testi schietti e sinceri lavorano da sempre in armonia col “lascito” del sud del signor Hinson per produrre canzoni incredibilmente uniche.

Chiunque conosca un minimo la storia di Micah P.Hinson saprà sicuramente che ci sono state diverse volte durante la sua vita in cui si è andati davvero vicino ad un’apocalisse. Morte e rinascita si sono alternate spesso nella sua carriera, che si trattasse di un grave infortunio alla schiena, un violento incidente stradale, la perdita temporanea dell’uso delle braccia, il tempo passato dietro le sbarre o quello passato in compagnia di personaggi bizzarri di ogni forma e dimensione.

Ispirato da artisti come Sonic Youth, Dinosaur Jr e The Cure, Hinson ha iniziato a registrare i primi demo che hanno attirato da subito l’interesse di molte label. Ha pubblicato il suo album di debutto “Micah P. Hinson and the Gospel of Progress” nel 2004, seguito da “The Baby and the Satellite” nel 2005. Nel 2008 Hinson ha firmato per Full Time Hobby e ha pubblicato “Micah P. Hinson and the Red Empire Orchestra”.

Per il suo ultimo album ‘When I Shoot At You With Arrows, I Will Shoot To Destroy You’ (2018), ha iniziato a contattare i musicisti che avevano avuto un ruolo importante nella sua educazione musicale – le persone che gli avevano mostrato un nuovo modo di pensare, un nuovo modo di suonare e comporre. All’inizio di aprile 2018 è riuscito a riunire molte di queste persone in una località sconosciuta nel Texas orientale, e in un solo giorno, questi instancabili musicisti, con Micah al timone, hanno registrato tutte le canzoni, gli strumenti e brani che compongono “When I Shoot At You With Arrows, I Will Shoot To Destroy You”.

music

Photos

Video

news

Trentuno giorni, sedici artisti e sessantuno concerti

Trentuno. Sedici. Sessantuno. Trentuno come i giorni di luglio. Sedici come gli artisti della scuderia Ponderosa in tour questo mese. Sessantuno come i concerti in giro per l’Italia. Numeri benedetti per chi fa dello spettacolo dal vivo la propria ragione sociale e molto ha sofferto tra lockdown e zone colorate durante la pandemia da Covid-19.

  • Share
all
artist