fbpx

Micah P. Hinson, Italia… my love

di Luca Testoni

Viaggio in Italia parte seconda per il menestrello texano Micah P. Hinson. Nessuna sorpresa. D’altronde, il Belpaese è il luogo da dove è ripartita la sua rinascita artistica. Micah era finito in un tunnel nero, fatto di tormenti personali e depressione. Vi si era infilato poco prima che iniziasse il Covid. A salvarlo, per sua stessa ammissione, Alessandro “Asso” Stefana.

 

«Senza il suo impegno, la sua devozione e la sua fiducia in me e nelle mie possibilità non avrei registrato “I Lie To You”, che Asso mi ha prodotto, e non sarei di nuovo tornato in tour», ha dichiarato a più riprese lo statunitense in pista, tra alti e bassi, sin dai primi anni del nuovo millennio. 

Naturalmente il chitarrista bresciano, collaboratore storico di Vinicio Capossela, sarà assieme al batterista Paolo Mengardi nella formazione a trio con cui l’indie-folk singer-songwriter (come lo definiscono in patria…) si esibirà nelle tre tappe del minitour estivo che toccherà il 19 Ravenna (Hana Bi), il 20 Pisa (Giardino Scotto) e il 21 la cittadina bresciana di Caino (Ground Music Festival). 

In un periodo storico in cui molti artisti vogliono mostrarsi forti e indistruttibili, il nostro, con la sua inconfondibile voce roca e segnata dalle intemperie, non ha paura a mostrare tutte le proprie fragilità e questa è la sua vera forza. Per la serie, la sincerità sopra ogni cosa. Una scelta coraggiosa alla base di un cantautorato crudo, viscerale e senza tempo. Che meriterebbe ancora attenzione di quanto già non abbia.

Info & Tickets: https://ponderosa.it/artist/micah-p-hinson/

  • Share

you may also like

Suzanne Vega, luglio di concerti nel Belpaese. Tra vecchie e nuove canzoni. Rigorosamente d’autore.

La folksinger newyorkese da quasi 40 anni sulla cresta dell’onda, in Italia per due imperdibili date.

Calibro 35, Danilo Rea, Alabaster DePlume, il cartellone di JAZZMI diventa XL

Una nuova infornata di grandi nomi va ad arricchire il già corposissimo calendario di concerti targato JAZZMI 2024. Tra questi spiccano diversi big della jazz-fusion mondiale.

Nelle sere di luglio leccesi la pizzica si balla sulle punte

La danza classica della Compagnie Les Ballets de Monte Carlo incontra la musica di Antonio Castrignanò & Taranta Sounds, portando in scena sul palco la creazione originale del coreografo Jean-Christophe Maillot.

Ma quanto è bella la world music Made in Romagna dei Supermarket

Un’autentica colonna sonora “all’italiana” per non luoghi e androidi che sognano di esseri umani, un manifesto musicale che si fa portavoce di lunghe serate trascorse all’insegna di una singolare unione tra movimento e un senso di black humor surrealista. Il capostipite della World music romagnola, tra esotismo kitsch e sperimentazione radicale.

all
news

playlist