fbpx

Monfortinjazz, ecco la scaletta dell’edizione 2023

Svelato il cartellone concerti degli artisti che dal 9 luglio al 3 agosto saranno ospiti dell’edizione numero 47 di Monfortinjazz, l’ormai storica e apprezzatissima rassegna di musica dal vivo in Langa. 

Cinque i big selezionati, tre italiani e due stranieri, che si esibiranno dal palco dell’Auditorium Horszowski, l’auditorium naturale della vetta più alta del borgo di Monforte d’Alba, luogo privilegiato per panorama, acustica e appeal.

La serata inaugurale del 9 luglio riflettori puntati su Niccolò Fabi, uno dei pochi cantautori della sua generazione ad essere riuscito nell’impresa di conquistare un consenso di pubblico trasversale, sia tra i sessi sia tra le generazioni, tanto al Nord quanto al Sud. Il suo segreto? Aver forse trovato il linguaggio giusto per parlare delle nostre tante fragilità quotidiane. Con l’ultimo suo album, “Meno per meno”, uscito nel dicembre scorso, ha voluto celebrare i suoi primi 25 anni di carriera.

Da un menestrello di casa nostra a un menestrello rock Made in Australia come John Butler, noto per le sue esibizioni alla testa dell’omonimo trio. Già visto come supporter act della band di Ben Harper, il 14 luglio il nome più hot della scena indipendente del Nuovo Mondo si esibirà in versione solitaria con un sound pieno zeppo di riferimenti folk, country e blues.

L’indomani, il 15 luglio, archiviata l’esperienza tv di successo di “Via Dei Matti Numero 0”, ecco di nuovo dal vivo Stefano Bollani. Ad accompagnarlo non solo l’immancabile pianoforte, ma due grandi musicisti come il contrabbassista Gabriele Evangelista e il batterista Bernardo Guerra. Unica regola del trio è quella di divertirsi a improvvisare per vedere fin dove si può arrivare lasciandosi guidare dalle note.

Tower of Power Hollywood Bowl Jazz Festival Day 2

Gli ospiti del 22 luglio, i californiani Tower Of Power, sono in pista dal 1968. Sì, avete capito bene! Siamo di fronte ad una vera e propria istituzione del funky-soul a stelle e strisce. Impossibile definire diversamente la creatura del sassofonista Emilio Castillo, celebre per la sua sezione fiati, già accanto da Elton John, Santana, America, Quincy Jones, fino a Bruce Springsteen. Stilisticamente e tecnicamente unici, i vari cambi di formazione non ne hanno mai alterato lo spirito.

Gran finale, il 3 agosto, con una Carmen Consoli mai così impegnata come in questa estate del ritorno alla normalità e con un pubblico di nuovo a viso aperto. Con lei al suo fianco ci sarà la sua sorellina artistica (di un metro e 80…) Marina Rei, sul palco dietro i tamburi della batteria. Obiettivo: mostrare il lato più rock e sanguigno della cantantessa catanese il cui album d’esordio, “Due parole”, risale all’ormai lontano 1996.

  • Share

you may also like

Suzanne Vega, luglio di concerti nel Belpaese. Tra vecchie e nuove canzoni. Rigorosamente d’autore.

La folksinger newyorkese da quasi 40 anni sulla cresta dell’onda, in Italia per due imperdibili date.

Calibro 35, Danilo Rea, Alabaster DePlume, il cartellone di JAZZMI diventa XL

Una nuova infornata di grandi nomi va ad arricchire il già corposissimo calendario di concerti targato JAZZMI 2024. Tra questi spiccano diversi big della jazz-fusion mondiale.

Nelle sere di luglio leccesi la pizzica si balla sulle punte

La danza classica della Compagnie Les Ballets de Monte Carlo incontra la musica di Antonio Castrignanò & Taranta Sounds, portando in scena sul palco la creazione originale del coreografo Jean-Christophe Maillot.

Ma quanto è bella la world music Made in Romagna dei Supermarket

Un’autentica colonna sonora “all’italiana” per non luoghi e androidi che sognano di esseri umani, un manifesto musicale che si fa portavoce di lunghe serate trascorse all’insegna di una singolare unione tra movimento e un senso di black humor surrealista. Il capostipite della World music romagnola, tra esotismo kitsch e sperimentazione radicale.

all
news

playlist