Rokia Traoré

Bio

Cantante, compositrice e poli-strumentista, Rokia Traoré nasce a Kolokani, Mali, nel 1974. Attualmente dislocata tra Bamako, Bruxelles e Parigi, Rokia fa speso ritorno nel natio Mali e la sua musica è influenzata dalla tradizione delle radici africane così come dal pop e dal rock di matrice europea e statunitense, che ha sempre ascoltato nel corso della sua vita.

Traoré rilascia il suo primo album, Mouneissa, nel 1998, che viene ricevuto splendidamente dalla critica grazie all’innovativo sound composto dalle sonorità del Mali e dall’uso del n’goni, tradizionale liuto africano, e del balafon. Mouneissa è seguito da Wanita (2000), da Bowmboi (2003) e da Beautiful Africa nel 2013, album pubblicato con Ponderosa Music & Art, che viene definito da UNCUT «il punto più alto della sua carriera». Il suono unico delle canzoni in Bambara, dialetto dell’Africa dell’ovest, che compongono Beautiful Africa viene raggiunto anche grazie alla scelta di John Parrish come produttore, il quale aiuta l’artista maliana a intrecciare potenti sonorità rock con sonorità tipicamente africane che completano i testi personalissimi e toccanti scritti da Traoré.

Nel 2016, dopo aver dovuto abbandonare il suo natio Mali a causa della guerra civile, Traoré torna ad incidere in studio e pubblica con Ponderosa Music & Art, Né So, con John Parrish nuovamente all’elmo della produzione. Questo è il progetto che più di tutti riassume la carriera ventennale dell’artista e lei stessa ammette che l’album nasce da momenti difficili che ha dovuto imparare ad incanalare in parole e musica. Questa specie di “terapia in musica” racconta la storia di Rokia ma anche del mondo e della condizione umana in tutta la sua complessità e straordinaria diversità.


Rokia ha esplorato diverse direzioni artistiche nella sua carriera: ha l’onore di aprire il World Music Festival di Roskilde nel 2009 e per il suo lavoro con la Fondazione Passerelle, da lei ideata e condotta, è stata insignita dall’ordine delle Arti e delle Lettere dal governo francese. 

Inoltre, collabora con la vincitrice del Nobel e romanziera Toni Morrison e all’insignito del MacArthur Genius Grant, Peter Sellars interpretando Desdemona nel loro Othello (per cui compone anche la musica), la cui prima si tiene nell’estate del 2011 a Vienna per poi arrivare al Lincoln Center di New York e al San Carlo di Napoli, oltre che al Barbican Centre di Londra. Al Barbican di Londra è andata in scena anche una piece in tre serate di Rokia nel 2013, intitolata Donguili – Donke – Damou (Sing – Dance – Dream).

Mentre nel 2015 fa parte della giuria della sessantottesima edizione del Festival del Cinema di Cannes, presieduta dai fratelli Coen. Nel 2020 prende parte a La Musica dei Cieli, manifestazione che mira a promuovere la conoscenza e il dialogo tra le culture attraverso le musiche della spiritualità, per cui Rokia si esibisce in una selezione di brani tratti da Né So.

website

music

Photos

Video

news

Griot: nuove storie da raccontare

L’arte e la cultura griot, dopo la fama raggiunta con l’Afrikan blues, si adatta a nuovi linguaggi e nuove sfide, dimostrando la sua tenacia e il suo attaccamento con il presente. 

Rokia Traoré: “la ricerca della giustizia proseguirà”

La cantante e musicista franco-maliana, prosegue la sua battaglia giudiziaria internazionale che la vede accusata del sequestro di sua figlia.

download

  • Share
all
artist