fbpx

Oneida

Bologna – IT

Bio

Gli Oneida sono diventati famosi per aver esplorato sempre più suoni astratti e atmosferici, registrando lunghe composizioni psichedeliche che non avrebbero potuto essere più diverse dagli inni pulsanti e martellanti del loro passato. Quattro anni dopo l’uscita di Romance, gli Oneida tornano con Success
“Siamo stati nei boschi per molto tempo, facendo cose molto impegnative, incasinate e psicotiche e condividendole con il mondo e aspettandoci che le persone tengano il passo”, ha detto Kid Millions. “Onestamente non abbiamo cercato di fare qualcosa di più diretto, ma è uscito in questo modo”.

Una varietà di influenze si possono ascoltare in tutto Success: il clangore confuso dei Velvet Underground, l’euforia martellante delle tastiere dei Clean, il lirismo paranoico dei Suicide, il fragore vertiginoso di “Roadrunner” dei Modern Lovers. Tuttavia, il fattore principale nel suono degli Oneida sono gli Oneida, e che gioia è sentire di nuovo quel suono familiare.

_______________________________________________________________________________________________

Oneida has become known for trekking further and further into abstract, atmospheric sounds, recording long haunting compositions that couldn’t have been more different than the pulsing, hammering anthems of their past. Four years following the release of Romance, Oneida returns with Success, their most guitar-centric, rock album in decades.
“We’ve been in the woods for a long time, doing very challenging, fucked up and psychotic things and sharing them with the world and expecting people to keep up,” said Kid Millions. “We honestly did not try to make something more straight ahead but it came out that way.”

You’ll hear a menagerie of influences throughout Success—the fuzzy clangor of the Velvet Underground, the keyboard-stabbing exhilaration of the Clean, the paranoiac lyricism of Suicide, the giddy wallop of the Modern Lovers’ “Roadrunner,” the time-bending open-ended-ness of Can. Still, the main factor in Oneida’s sound is Oneida, and what a joy it is to hear that familiar sound again.

artist page

  • Share