fbpx

Yann Tiersen dal vivo in Italia. Quando l’importante è… non ripetersi.

di Luca Testoni

Sì, lo si può dire senza timore di smentita: Yann Tiersen appartiene a quella schiera di musicisti che avrebbe tranquillamente potuto vivere di rendita. D’altronde, in Francia era ed è un’istituzione. E anche nel resto del mondo le cose non vanno poi così malaccio.

Apprezzato per le colonne sonore (romanticamente malinconiche) di due film campioni d’incasso – il francese “Il favoloso mondo di Amélie” e il tedesco “Good Bye Lenin!” – e per oltre una dozzina di produzioni discografiche a suo nome -, poco a poco il compositore bretone ha raggiunto lo status di campionissimo del pianismo contemporaneo europeo, apprezzato tanto dai rocker quanto da chi si sente più a suo agio con la classica, grazie al suo essere volutamente in bilico tra romanticismo e post-rock, minimalismo e sonorità debitrici della tradizione folk.

A un certo punto della carriera questo polistrumentista patentato (suona indifferentemente pianoforte, vibrafono, clavicembalo, violino, fisarmonica, chitarra e mandolino), con quartier generale su un’isola-rifugio nell’Atlantico, al largo della Bretagna, ha però deciso che voleva provare altre strade, cominciando ad approfondire il rapporto tra il pianoforte e l’elettronica. Un rapporto nel quale, con il passare degli anni, il pianista sembra aver lasciato sempre più spazio all’elettronicista. 

Intendiamoci, le melodie le costruisce ancora al piano, ma sempre più spesso le sue composizioni passano essenzialmente dalle sue magie con l’armamentario di strumenti elettronici analogici e modulari che è andato ad assemblare nel corso degli ultimi anni. 

E la produzione discografica recente ne è la diretta conseguenza: dall’album “Kerber” passando per il nuovissimo “11 5 18 2 5 18” in uscita il 10 giugno per l’etichetta londinese Mute, in cui i campioni di pianoforte opportunamente manipolati e trattati sfociano in sonorità ambient-elettroniche a dire poco ipnotiche.

Sonorità che proporrà dal vivo a luglio con cinque concerti nel nostro Paese: dagli Arcimboldi di Milano (il 10) al Parco Certosa Collegno di Torino (il 14), passando per la Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma (l11), l’Atrio dell’Ateneo Bruni di Martina Franca (il 12) e il Parco Caserme Rosse di Bologna (il 13).

Scopri di piú al link https://ponderosa.it/artist/yann-tiersen/

  • Share

you may also like

Cinque volte Avion Travel, l’arte e la magia della musica sotto le stelle

Gli Avion Travel anche nell’estate 2022 hanno voluto lasciare un segno, ritagliandosi cinque concerti a cominciare dal 7 agosto nel giardino delle Clarisse di Città Sant’Angelo ospiti della rassegna “Armonie d’autore”, l’11 agosto nella splendida cornice di piazza Plebiscito a Napoli per la seconda edizione della kermesse diretta da Lello Arena dal titolo “Restate a Napoli”, il 19 agosto in piazza della Vita a Civitavecchia, in provincia di Roma, il 7 settembre a Castel Sant’Angelo a Roma e il 16 settembre, in casa nella natia Caserta.

Gogo Penguin, live in Italia per i “Radiohead” del jazz Made in Uk

3-4-3. No, stavolta il calcio e i suoi moduli non c’entrano. Quel tris di numeri ci porta dritti filati a quelli che la critica specializzata d’Oltremanica ha etichettato come i “Radiohead del jazz britannico”, e cioè ai GoGo Penguin.
I Gogo Penguin saranno ospiti il 29 di Fano Jazz, mentre il 30 saranno alla Casa del Jazz di Roma e il 31 all’Arena Le Ferriere di Follonica.

Tre serate in acustico con Suzanne

Tre concerti per l’estate italiana 2022 di Suzanne Vega. Da Trento (16 luglio, Teatro Capovolto) a Roma (19 luglio alla Casa del Jazz per “I Concerti nel parco”) passando per Trieste (17 luglio Castello di San Giusto).

Incognito: longevi sì, ma non per caso

Cinque concerti a luglio (l’8 a Napoli, Marina di Varcaturo; il 9 al Castello di San Giusto a Trieste; il 10 alla Corte degli Agostiniani di Rimini, nell’ambito del Festival “Percuotere la Mente”; il 12 all’Arena Santa Giuliana di Perugia in una serata live in abbinata alla bravissima Dee Dee Bridgewater; il 13 al Teatro D’Annunzio di Pescara per “Pescara Jazz”) e uno ad agosto (il 12 a Cabras, nell’oristanese, in Sardegna, ospiti del Dromos Festival).
Non passa estate senza che gli Incognito non riservino qualche data al Belpaese.

all
news

playlist