fbpx

Unica data italiana per Carla Morrison, paladina della canzone d’autore intimista Made in Mexico

di Luca Testoni

 

Ricordate Carlos Santana? Sì, certo. D’altronde, stiamo parlando di un mito del rock. Potere del Festival di Woodstock, dove si esibì a soli 22 anni, lasciando un segno indelebileIl celeberrimo chitarrista-cantante è nato nella Baja California, in Messico, al confine degli Stati Uniti, Paese che gli ha regalato il grande successo. 

Come Santana, Carla Morrison, star indiscussa del cantautorato rock (e dintorni) messicano, in concerto l’11 settembre al Teatro Filodrammatici di Milano, unica tappa italiana del tour legato all’ultimo album “El Renacimiento”, proviene dalla stessa zona del Messico di confine con gli Usa e, come lui, ha sempre evitato i cliché tipici della musica del Paese d’origine e, più in generale, del “sueno latino”. Il tutto pur cantato in lingua spagnola.

Da “Déjenme Llorar”, l’album d’esordio del 2012, in avanti, la trentasettenne artista di Tecate ha portato avanti un cantautorato intimo privilegiando atmosfere in bilico tra l’indie-pop, l’indie-folk e il suono di artiste come Joni Mitchell. Star indiscussa in Messico, vincitrice di tre Latin Grammy, ma conosciutissima anche negli States, dove riempie regolarmente teatri e palazzetti (ed è stata candidata ai Grammy Awards), con “El Renacimiento”, dove per una volta flirta anche con sonorità più pop, ha realizzato il suo disco più intimo e senza filtri. «Gli altri miei album si sono concentrati sul mio rapporto con gli altri. Questo si concentra sulla relazione con me stessa», ha spiegato.

Info & Tickets: https://ponderosa.it/artist/carla-morrison/

  • Share

you may also like

Nelle sere di luglio leccesi la pizzica si balla sulle punte

La danza classica della Compagnie Les Ballets de Monte Carlo incontra la musica di Antonio Castrignanò & Taranta Sounds, portando in scena sul palco la creazione originale del coreografo Jean-Christophe Maillot.

Ma quanto è bella la world music Made in Romagna dei Supermarket

Un’autentica colonna sonora “all’italiana” per non luoghi e androidi che sognano di esseri umani, un manifesto musicale che si fa portavoce di lunghe serate trascorse all’insegna di una singolare unione tra movimento e un senso di black humor surrealista. Il capostipite della World music romagnola, tra esotismo kitsch e sperimentazione radicale.

Piano City è pronta ad “invadere” Milano

Le note risuoneranno in città dal 17 al 19 maggio per l’edizione di Piano City Milano 2024!

Lucio Corsi, il mio canto libero. Rigorosamente dal vivo.

Il rocker trasformista Lucio Corsi torna in tour nella primavera-estate con concerti in giro per l’Italia.

all
news

playlist