fbpx

Stereolab, dal vivo in Italia a 21 anni di distanza dall’ultima volta

di Luca Testoni

Stereolab

A volte ritornano. È il caso degli Stereolab, splendida autonomia nell’ultimo decennio, gli anni Novanta, in cui il rock in tutte le sue declinazioni (dal grunge all’indie) è riuscito a dettare legge. 

Nel bel mezzo dell’era Brit-pop, la formazione anglo-francese con base in quel di Londra, da sempre capitanata dalla coppia (un tempo anche nella vita) formata dal chitarrista-polistrumentista inglese Tim Gane e dalla cantante transalpina Lætitia Sadier, riuscì a raggiungere uno status di band alternativa di prima grandezza coltivando un avvolgente collage sonoro che prendeva le mosse da un’idea alquanto ambiziosa: dare vita a una creatura, solo in apparenza artificiosa, in cui trovassero cittadinanza la ripetitività ossessiva e ipnotica del kraut-rock e la passione per il pop e i Beach Boys, la musica francese e quella brasiliana, la new wave e l’elettronica colta, più un’attenzione decisamente fuori dal comune per testi attenti alle tematiche sociali. Un’operazione ardita che ha consegnato alle generazioni future canzoni e album dai suoni retrospettivi e futuribili di pregevolissima fattura, complice l’uso massivo di tastiere e organi Vox, Moog, Farfisa, Theremin, da sempre la piacevole ossessione del capobanda Gane, oggi cinquantottenne.

Dopo la rottura nel 2009, la storia quasi ventennale degli Stereolab pareva arrivata al capolinea. Invece, 10 anni più tardi ecco che la premiata ditta Gane-Sadier si è rimessa in pista. 

Ora, il tour nel nostro Paese, a ben 21 anni dall’ultima apparizione. Gli Stereolab (nella formazione figurano anche il batterista Andy Ramsay, il tastierista-vibrafonista Joseph Watson e il bassista Xavier Muñoz Guimera), che a settembre hanno dato alle stampe il quinto capitolo della serie di raccolte “Switched On” si renderanno protagonisti di un breve Giro d’Italia in concerto: il primo, il 9 novembre, sarà ai Magazzini Generali di Milano; a seguire il 10 all’Orion Club di Roma; l’11 al Cine-Teatro Partenio di Avellino e il 12 novembre al Teatro SanbaPolis di Trento. Un’occasione imperdibile per vedere in azione una band che ha fatto della sperimentazione il proprio marchio di fabbrica.

Scopri tutte le date e le info degli Stereolab al link: https://ponderosa.it/artist/stereolab/

  • Share

you may also like

Ma quanto è bella la world music Made in Romagna dei Supermarket

Un’autentica colonna sonora “all’italiana” per non luoghi e androidi che sognano di esseri umani, un manifesto musicale che si fa portavoce di lunghe serate trascorse all’insegna di una singolare unione tra movimento e un senso di black humor surrealista. Il capostipite della World music romagnola, tra esotismo kitsch e sperimentazione radicale.

Piano City è pronta ad “invadere” Milano

Le note risuoneranno in città dal 17 al 19 maggio per l’edizione di Piano City Milano 2024!

Lucio Corsi, il mio canto libero. Rigorosamente dal vivo.

Il rocker trasformista Lucio Corsi torna in tour nella primavera-estate con concerti in giro per l’Italia.

Worm Up, concerti doc e… al fresco

Una rassegna di preriscaldamento con i protagonisti della scena internazionale, da ascoltare in condizioni ottimali, nella sostenibile leggerezza dell’aria condizionata!
E ancora dj set e concerti aperitivo con i solisti dell’orchestra milanese…

all
news

playlist