fbpx

“Onda alta”, Dargen D’Amico a Sanremo tra dance e denuncia sociale

Si può andare al Festival di Sanremo parlando di migranti a suon di un electro-pop-dance che ha tutto per essere un tormentone radiofonico? Sì, se ci si chiama Dargen D’Amico. Il rapper, cantautore e produttore, siciliano di Milano, torna in gara nell’edizione numero 74 del Festival di Sanremo con il brano “Onda Alta”, a due anni di distanza dalla fortunata apparizione all’Ariston “Dove si balla”, indubbiamente la sua più grande hit.

Di Luca Testoni

“Onda alta” fa da traino in bello stile a “Ciao America”, il nuovo album, in uscita il 2 febbraio, con cui il giudice delle ultime due edizioni di “X Factor” descrive uno spaccato del mondo attuale, fatto di poche certezze, molti dubbi e di tante situazioni dolorose. Dal dramma dei barconi della speranza alla guerra.

Se con “Dove si balla” Dargen D’Amico invitava tutti noi a uscire dal torpore in cui c’eravamo infilati durante la pandemia e riprendere in mano la nostra vita anche, perché no, ballando; con “Onda alta”, invece, quello che è tutti gli effetti uno fra i rappresentanti più eclettici e poetici della scena cantautorale italiana contemporanea, spostando i confini di genere e fondendo il rap con la musica colta italiana, non ha paura a fare denuncia sociale. A modo suo, però, cioè, con tanta melodia.

«Sta arrivando sta arrivando l’onda alta/Non ci resta che pregare finché passa». Questo uno dei passaggi più significativi di una canzone che evoca coloro che percorrono la rotta del Mediterraneo e che cercando un’altra vita da qualche parte nell’Europa, anche se spesso non ce la fanno. Migranti economici oggi. Tali e quai quelli di ieri, italianissimi, che lasciavano il paese per cercare fortuna in America o in Australia. «La mia è una famiglia di emigranti», ha fatto sapere D’Amico, che sarà sul palco sanremese assieme ai suoi fidati musicisti e collaboratori Gianluigi Fazio, Edwyn Roberts, Tommaso Ruggeri al polistrumentista Diego Maggi.

Già in vendita i biglietti per le prime date del tour teatrale del prossimo autunno. Nel dettaglio, i concerti si terranno all’Auditorium Parco della Musica di Roma il 30 settembre; e ad ottobre al Teatro Arcimboldi di Milano (l’1), al Teatro Dehon di Bologna (il 9); e al Teatro Bolivar di Napoli (l’11).

Info & Tickets: https://ponderosa.it/artist/dargen-damico/

  • Share

you may also like

Tre volte Incognito: groove, anima e cuore in giro per il Belpaese

Gli Incognito suoneranno tre concerti a luglio: il 20 al Castello di Udine; il 21 in pizza Mercato a Marghera e il 22 al Palazzo Mediceo di Seravezza, in provincia di Lucca.

Verucchio Festival, 40 anni di musica in purezza

Torna per il 40esimo anno consecutivo la grande musica dal vivo sul sagrato della Chiesa Collegiata del borgo romagnolo.

Monfortinjazz 2024, la “grande bellezza” in cinque concerti

La 48° edizione di Monfortinjazz è alle porte! Ecco i 5 artisti che daranno vita alle serate del festival…

Festival di Villa Arconati, 36 anni nel segno (e nel suono) dell’altissima qualità

La 36° edizione del Festival di Villa Arconati è alle porte! Scopri i 9 artisti che animeranno le serate del festival…

all
news

playlist