fbpx

“My Window”, il nuovo disco di Demian Dorelli

di Luca Testoni

Così, di primo acchito, verrebbe da dire una sola cosa: sembra – anzi no, è – un disco come quelli di una volta. Molto bello da ascoltare, ma altrettanto bello da vedere. Merito delle tavole realizzate ad hoc, personalissime interpretazioni del noto illustratore Fabrizio Matticchio delle nove composizioni.

 

Si parla di “My Window”, secondo album che porta la firma del pianista-compositore Demian Dorelli, pubblicato da Ponderosa Music Records e prodotto dall’amico di lunga data Alberto Fabris (a lungo collaboratore musicale e produttore di Ludovico Einaudi e già in cabina di regia al tempo dell’esordio di Dorelli dal titolo “Nick’s Drake Pink Moon).

Impresa non da poco, l’altro Dorelli (l’auspicio è quello di eguagliare la popolarità dell’indimenticabile Johnny, crooner ante litteram di casa nostra…), figlio di un fotografo di moda italiano e di una ballerina di danza classica inglese, è riuscito in un’impresa mica semplice: assemblare un album di piano solo ad altissimo tasso di originalità. Originalità sia dal punto di vista compositivo sia per quel che concerne gli intrecci melodici. 

Sempre in equilibrio tra folk colto e classica contemporanea, Demian, ispirandosi in modo esplicito a grandi pittori come Vermeer e David Hockney, ritrae il mondo attraverso una finestra, tratteggiando da par suo le emozioni che accomunano noi umani, tra presente e ricordi del passato. 

Precisato che i brani sono stati incisi in cinque giorni tra i vigneti di negramaro al Sudestudio di Guagnano, nel cuore del Salento, Dorelli punta al bersaglio grosso: a conquistarsi uno spazio al sole tra i nomi di vertice del pianismo pop contemporaneo.

 

SCOLTA IL NUOVO ALBUM “MY WINDOWQUI

  • Share

you may also like

Suzanne Vega, luglio di concerti nel Belpaese. Tra vecchie e nuove canzoni. Rigorosamente d’autore.

La folksinger newyorkese da quasi 40 anni sulla cresta dell’onda, in Italia per due imperdibili date.

Calibro 35, Danilo Rea, Alabaster DePlume, il cartellone di JAZZMI diventa XL

Una nuova infornata di grandi nomi va ad arricchire il già corposissimo calendario di concerti targato JAZZMI 2024. Tra questi spiccano diversi big della jazz-fusion mondiale.

Nelle sere di luglio leccesi la pizzica si balla sulle punte

La danza classica della Compagnie Les Ballets de Monte Carlo incontra la musica di Antonio Castrignanò & Taranta Sounds, portando in scena sul palco la creazione originale del coreografo Jean-Christophe Maillot.

Ma quanto è bella la world music Made in Romagna dei Supermarket

Un’autentica colonna sonora “all’italiana” per non luoghi e androidi che sognano di esseri umani, un manifesto musicale che si fa portavoce di lunghe serate trascorse all’insegna di una singolare unione tra movimento e un senso di black humor surrealista. Il capostipite della World music romagnola, tra esotismo kitsch e sperimentazione radicale.

all
news

playlist