Meridiana: il senso del tempo per Mauro Durante

24.05.2021, di Giacomo Luperini

Assieme all’uscita del loro nuovo album “Meridiana”, Il Canzoniere Grecanico Salentino torna con un nuovo progetto multidisciplinare per vivere in prima persona il loro concetto di tempo.

Il tempo è una dimensione indefinibile. La mente umana fatica a percepirne i confini, la vastità e la sua stessa esistenza al di là del qua ed ora. Esistono dei piccoli trucchi per ingannare la mente e farle visualizzare per metafore ciò che non possiamo comprendere. Ad esempio si può provare semplicemente ad aprire le braccia. L’apertura delle braccia rappresenta l’intera storia del tempo che si sviluppa dall’ultima unghia della mano sinistra, dove risiede la nascita dell’universo (13,7 miliardi di anni fa), fino all’unghia opposta, che rappresenta l’adesso. La nascita del pianeta terra (4,5 miliardi di anni fa) si trova sotto all’ascella sinistra, la nascita della vita pluricellulare è nel palmo della mano destra e l’intera storia e protostoria dell’umanità è contenuta in un sottilissimo strato di cellule morte sull’ultima unghia della mano destra. Certo, non basta spiegare il tempo per poterlo sentire, ma il Canzoniere Grecanico Salentino ha provato a farlo in maniera ancora più approfondita con il progetto “Meridiana”. Le grafiche dell’album, le tracce, il sito e i visual: ogni cosa è stata pensata e posizionata sapientemente per poter dare un ordine ai preconcetti e alle suggestioni che abbiamo sul tempo. Mauro Durante, intervistato in occasione dell’uscita dell’album, ha dichiarato:

Noi siamo un gruppo di musica popolare Salentina. Già per definizione prendiamo una musica e una danza che ci arrivano dal passato e le traduciamo per il presente. Facciamo un’operazione di compresenza tra passato e presente, o di persistenza della memoria (come la definì Dalì). Non si tratta di una riproposta nostalgica, ma di compromessi e attualizzazioni che partono dallo studio di ciò che ci circonda.

L’album porta la firma di Ponderosa e Puglia Sound e contiene 12 tracce inedite (come le 12 tacche del quadrante della meridiana) realizzate con la collaborazione di grandi musicisti: Enzo Avitabile, Valerio Combass (Après La Classe), Antonio De Marianis, i Red Baraat , Justin Adams (coproduttore dell’album assieme a Mauro Durante) e Giacomo Greco che ha curato l’adattamento elettronico. Le atmosfere della tradizione salentina si fondono con l’elettronica e si arricchiscono di orchestrazioni, in una complessa, ricercata e assai godibile trama musicale. Ma l’ultimo lavoro dei Canzoniere è molto più della sola musica contenuta nell’album. Come ha dichiarato Mauro Durante:

La mia idea era di restituire a chi avrebbe vissuto questo album qualcosa di simile al processo formativo che ha portato alla sua creazione. Suggestioni che arrivano dai vari campi del sapere: filosofia, fisica, ec. Volevamo dare un’esperienza d’ascolto immersiva attraverso citazioni testuali e contributi video di divulgatori che potessero ampliare e dare un contributo significativo riguardo ai temi dell’album. Non è pura speculazione sul tempo, ma riflessione sul Sud, sulla mitologia e sull’attualità.

L’uscita dell’album è stato infatti accompagnata da una diretta in streaming sulle pagine social del Canzoniere e con la pubblicazione di un sito sul quale vivere a 360° l’esperienza di meridiana. Un sito multidisciplinare e immersivo nel quale è possibile fruire, oltre che dell’album e dei suoi testi, di approfondimenti culturali, filosofici, artistici e di attualità. Si spazia dalla filosofia, con Maura Gancitano e Andrea Colamedici, filosofi divulgatori e fondatori della Scuola Permanente di Filosofia di Tlon, all’Astrofisica di Domenico Licchelli, passando all’Etnomusicologia, grazie al contributo Massimiliano Morabito che, oltre ad essere un membro del Canzoniere, è docente di antropologia della musica al conservatorio di Lecce. C’è poi il concetto di tempo esposto dal matematico Roberto Vacca, il “tempo magico” dell’etnomusicologo Gianfranco Salvatore, per concludere con il tempo della pandemia in relazione ai diritti umani, trattato da Francesca Corbo di Amnesty International. Non mancano poi le arti visive, che creano un’anticamera narrativa indispensabile per un’immersione filosofica totale: iniziando da Luca Coclite, che firma la copertina dell’album, minimale e di grande impatto, ci sono i giochi di luce delle fotografie di Francesco Sambati, oltre che i video estratti dalle musiche dell’album, realizzati da Gabriele Surdo.

Oltre ai già citati Mauro Durante al violino e Massimiliano Morabito all’organetto, ritroviamo le voci di Alessia Tondo e Giancarlo Paglialunga, il bouzouki di Emanuele Licci, i fiati di Giulio Bianco e i passi di Silvia Perrone accompagnati dagli immancabili tamburelli.

Presto potremmo tornare a sentire e a ballare con il Canzoniere Grecanico Salentino dal vivo nella nuova tournée internazionale estiva, che partirà a fine giugno dal Salento, ma nel frattempo vale veramente la pena di vivere l’esperienza di Meridiana. Parafrasando il contributo dei filosofi di Tlon: la società di oggi ci impone una gestione del tempo lineare, sempre uguale, produttiva e veloce, ma i Canzoniere ci regalano una pausa che nutre la mente e il cuore.

APPROFONDIMENTI

Meridiana Experience
Canzoniere Grecanico Salentino

  • Share

you may also like

Mauro Durante & Justin Adams: Still Moving! (Nonostante tutto)

Prosegue il tour della strano (e molto ben riuscito duo): Mauro Durante & Justin Adams. In attesa del disco “still moving”, in uscita in ottobre per Ponderosa, potrete ascoltarli dal vivo sabato 17 luglio alla Chiesa Sant’Ambrogio di Trezzano sul Naviglio e il 28 al festival delle Colline Mediterranee di Salerno.

Pink Moon: Demian Dorelli rende omaggio a Nick Drake

“Il mio sogno è suonare questo disco dal vivo, tutte le canzoni in una sola performance e riportare ancora in palcoscenico la musica di Nick Drake. La prima luna piena d’aprile che annuncia la primavera è chiamata la Luna Rosa. Dedico questo disco a mia figlia Lily nata sotto la luce di questa luna.”

Un festival per un futuro migliore: a Melpignano arriva il Climate Space

In Salento arriva la prima edizione del Climate Space Film & Music Festival, nato da un’idea di Ludovico Einaudi e curato da Francesco Cara e Ponderosa Music & Art: cortometraggi, film, musica e dibattiti per creare una comunità attiva, consapevole e proiettata verso un futuro migliore.

Otto tour per ritornare a sognare con la musica dal vivo

Ora intravediamo finalmente una possibilità all’orizzonte di poter tornare a sognare nelle piazze italiane e per celebrare il ritorno alla vita, vi consigliamo i prossimi tour organizzati da Ponderosa Music & Art: Avion Travel, Pacifico, Redi Hasa, Francesco Bianconi, Arto Linsday, Canzoniere Grecanico Salentino, Boosta

all
news

playlist