Ludovico Einaudi: la musica della natura torna a casa

29.07.2021, di Luca Testoni

Riportare la sua musica in cammino nella natura, invitando il pubblico a “camminare” insieme a lui, tra gli artisti più impegnati nella lotta al cambiamento climatico.

Queste la missione di Ludovico Einaudi in questa estate in cui si percepisce un forte e rinnovato bisogno di rinascita.

Il tour del maestro è in pieno svolgimento e ovunque si sta rivelando un’esperienza speciale. Già, perché tutti i concerti possono contare su scenari emozionanti: parchi nazionali, riserve naturali, calette, valli, laghi e altipiani incontaminati, raggiungibili solo a piedi, all’alba, al tramonto, sotto cieli stellati. Eventi unici da ricordare per sempre.

Le prossime tappe del pianista-compositore autore delle colonne sonore per due film premi Oscar attualmente nelle sale come “Nomadland” e “The father”? Einaudi si esibirà il 30 luglio a Pratovecchio Stia, nello spazio antistante la Pieve di San Pietro a Romena, in provincia di Arezzo, nell’ambito della nuova edizione Restart del festival “Naturalmente pianoforte” (la data è già sold out), mentre il giorno successivo, il 31 luglio, Einaudi è atteso nei pressi dell’eremo di Serrasanta a Gualdo Tadino (Perugia), ospite della rassegna “Suoni Controvento”.

Otto le date in menù per agosto. Si inizia il primo agosto con un concerto al tramonto nel parco naturalistico archeologico nell’antica città etrusca di Vulci, nel territorio di Montalto di Castro, in provincia di Viterbo, unica data estiva di Einaudi in Lazio targata “Vulci Acoustic Fest”.

Il Lago di Campotosto, in provincia di L’Aquila, a 1420 metri di altezza nella zona dell’Alto Aterno, farà da sfondo all’esibizione del 3 agosto. Anche in questo caso lo show, al via alle 18, è già sold-out. Tutto esaurito anche per il concerto nel Parco Reale della Reggia di Casertadel 4 agosto.

Il 5 e il 6 agosto altri due live: il primo, nel Pianoro di Ciolandrea, una terrazza stupenda situata a San Giovanni a Piro, in provincia di Salerno, con un panorama mozzafiato sul Golfo di Policastro e la Costa della Masseta, nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni; il secondo, alle Terme lucane di Latronico (Potenza), nel cuore del Parco del Pollino.

Precisato che è già sold out anche il concerto della sera del 9 agosto a Jazzo Pantano a Gravina in Puglia (Bari), nel Parco nazionale dell’Alta Murgia, Einaudi concluderà il tour con altre due esibizioni in terra pugliese. Suonerà all’alba (ore 6 del mattino) alle Grotte dei Cervi ad Otranto (Lecce) l’11 agosto, per poi chiudere il 12 luglio tra i boschi secolari e la macchia mediterranea di Martina Franca (Taranto), nella bellezza della riserva naturale del Bosco delle Pianelle.
Ludovico dividerà il palco con Federico Mecozzi al violino e alla viola e Redi Hasa al violoncello.

  • Share

you may also like

OTTOBRE: torniamo a viaggiare con la musica dal vivo

Dopo gli stop dovuti alla pandemia, ricominciamo finalmente a far suonare l’autunno, a organizzare festival ed esportare musica nel mondo

Undiscovered e Cinema, un binomio tutto da scoprire

In attesa di farci deliziare da nuove composizioni, perché non scoprire o, perché no, riscoprire i due album di Ludovico Einaudi usciti tra il 2020 e il 2021? 

Settembre in casa Ponderosa: l’estate non è ancora finita

A settembre Ponderosa finisce l’estate in bellezza con festival e concerti per accogliere l’autunno

Mercan Dede: “se vuoi far ridere Dio, fai un piano”

Quattro chiacchere con Mercan Dede, all’anagrafe Arkın Ilıcalı. Il poliedrico artista Turco-Canadese è in uscita con il terzo capitolo della sua opera in due volumi dal titolo “Ludovico Einaudi: Mercan Dede Reimagined”.

all
news