fbpx

Incognito: longevi sì, ma non per caso

di Luca Testoni


Cinque concerti a luglio (l’8 a Napoli, Marina di Varcaturo; il 9 al Castello di San Giusto a Trieste; il 10 alla Corte degli Agostiniani di Rimini, nell’ambito del Festival “Percuotere la Mente”; il 12 all’Arena Santa Giuliana di Perugia in una serata live in abbinata alla bravissima Dee Dee Bridgewater; il 13 al Teatro D’Annunzio di Pescara per “Pescara Jazz”) e uno ad agosto (il 12 a Cabras, nell’oristanese, in Sardegna, ospiti del Dromos Festival).
Non passa estate senza che gli Incognito non riservino qualche data al Belpaese.

Anche quest’estate il collettivo capitanato dal carismatico Jean Paul “Bluey” Maunick, chitarrista, anima e mente del gruppo ordinario di Mauritius, ma con base a Londra, che ha sempre tenuto le fila del progetto (ed è anche l’unico sempre presente), ha mantenuto fede alla tradizione.

In barba alla moda delle band usa e getta, quella londinese è tra le formazioni più longeve del circuito tenendo fede al proprio sound, da sempre in bilico fra soul, jazz e funky. Raggiunto nel 2019 il prestigioso traguardo dei 40 anni di carriera, il prossimo obiettivo è il mezzo secolo di attività. 
Il segreto di tanta longevità? Avere come punto di riferimento i giganti della black music anni Settanta. Gente che, prima di ogni cosa, aveva un approccio artistico a questo mestiere. In altre parole, il “centro” per gli Incognito, che verso la fine degli anni Ottanta salirono alla ribalta delle cronache come inventori dell’acid-jazz, è sempre stata sempre e solo la musica. Le strategie di marketing o le pianificazioni a tavolino le hanno lasciate ad altri (che magari si sono persi), mentre Maunick e soci hanno pensato al sound dei dischi, a scrivere belle canzoni e a far ballare. La ricetta è sempre la stessa e prevede di conciliare la raffinatezza del jazz con il calore e la sensualità sonora del soul-funk.

Musica coinvolgente, arrangiamenti ineccepibili – ricchi di fiati e percussioni – e un groove sempre più orientato a quello che si è soliti definire contemporany R&B. Ad arricchire il tutto, la grande passione che il collettivo britannico mette in ogni cosa. Una costante che non è mai venuta meno, nonostante i continui cambi di formazione. Una curiosità: anni fa, per un breve periodo, fra i cantanti fece capolino anche un certo Stevie Wonder…

Scopri di piú al link https://ponderosa.it/artist/incognito/

  • Share

you may also like

Cinque volte Avion Travel, l’arte e la magia della musica sotto le stelle

Gli Avion Travel anche nell’estate 2022 hanno voluto lasciare un segno, ritagliandosi cinque concerti a cominciare dal 7 agosto nel giardino delle Clarisse di Città Sant’Angelo ospiti della rassegna “Armonie d’autore”, l’11 agosto nella splendida cornice di piazza Plebiscito a Napoli per la seconda edizione della kermesse diretta da Lello Arena dal titolo “Restate a Napoli”, il 19 agosto in piazza della Vita a Civitavecchia, in provincia di Roma, il 7 settembre a Castel Sant’Angelo a Roma e il 16 settembre, in casa nella natia Caserta.

Gogo Penguin, live in Italia per i “Radiohead” del jazz Made in Uk

3-4-3. No, stavolta il calcio e i suoi moduli non c’entrano. Quel tris di numeri ci porta dritti filati a quelli che la critica specializzata d’Oltremanica ha etichettato come i “Radiohead del jazz britannico”, e cioè ai GoGo Penguin.
I Gogo Penguin saranno ospiti il 29 di Fano Jazz, mentre il 30 saranno alla Casa del Jazz di Roma e il 31 all’Arena Le Ferriere di Follonica.

Tre serate in acustico con Suzanne

Tre concerti per l’estate italiana 2022 di Suzanne Vega. Da Trento (16 luglio, Teatro Capovolto) a Roma (19 luglio alla Casa del Jazz per “I Concerti nel parco”) passando per Trieste (17 luglio Castello di San Giusto).

Un’estate con Cristina Donà

Cristina Donà sarà in tour da giugno ad agosto sulla scia dell’album “deSidera”. Il 18 giugno sarà a Gardone Val Trompia, in provincia di Brescia, nell’ambito del Ground Music Festival; il 15 luglio sarà all’Arena La Linguella di Portoferraio all’Isola d’Elba per Oltremare Festival; il 19 luglio al chiostro di San Domenico a Prato; il 30 luglio al porto marittimo di Cetara, in provincia di Salerno, per il Cetara Arts Festival; e il 20 agosto al Teatro Romano di Gubbio, in provincia di Perugia.

all
news

playlist