fbpx

Electronic Sessions: intervista a Vladi Elz

Al Volvo Studio Milano, a partire dal 26 ottobre, un viaggio nelle diverse sfaccettature della musica elettronica con 3 djset originali in orario aperitivo. 

Il secondo artista ad aprirci le porte del suo mondo è Vladi Elz in arte “Abstract”, lo abbiamo intervistato per conoscere meglio la sua storia. 

Ciao Vladi, “Abstract” è una parola polisemica… cosa vuol dire per te?
Immagino che la maggior parte delle persone quando sente questo termine pensi immediatamente all’astratto. Nella mia personale visione, invece, associo il nome “Abstract” all’idea di “sintesi”. Ciò che preferisco del mio lavoro è, infatti, ricercare costantemente nuova musica spaziando tra numerosi generi per provare poi ad offrire al pubblico, di volta in volta, la miglior sintesi che io riesca a creare.

Raccontaci un po’ di te e della tua storia
La mia passione per la musica è iniziata prestissimo, iniziando a suonare il pianoforte all’età di quattro anni. Durante la mia adolescenza la mia prima grande soddisfazione è stata riuscire ad aprire un negozio di dischi. Ho poi incominciato a fare il dj e ad organizzare eventi come promoter in spazi sociali e centri culturali come il Deposito Bulk e il Leoncavallo. Successivamente la mia carriera musicale si è sviluppata concentrandosi su club come il Tunnel e portandomi a fondare il Dude di cui sono stato anche socio e direttore artistico.

Se potessi portare solo 3 dischi su un’isola deserta, quali porteresti?
Sicuramente al primo posto metterei “Songs in the key of life” di Stevie Wonder, al secondo “A Love Supreme” di John Coltrane e last but not least “Illmatic” di Nas.

Se avessi intrapreso un percorso diverso e non fossi un DJ, chi saresti?
Se non fossi un DJ, probabilmente lavorerei nel mondo del sociale.

Scopri di più sul progetto Electronic Sessions https://ponderosa.it/festival/electronic-sessions/

  • Share

you may also like

La prima volta al Festival di Giovanni Truppi

Cresce l’attesa per un esordio eccellente: la prima volta sul palco dell’Ariston da concorrente di Giovanni Truppi, tra le voci migliori e singolari della canzone d’autore di oggi.

Chilly Gonzales al Lirico di Milano: aspettatevi l’inaspettato

Gonzales è conosciuto tanto per l’intimo tocco pianistico della sua più venduta trilogia di album di “solo piano”, quanto per la spettacolarità delle sue esibizioni e le sue composizioni per celebrità pluripremiate.

Climate Space a Milano: cortometraggi e musica per denunciare la crisi climatica

Dal primo dicembre prende il via al Teatro Dal Verme la terza edizione di “Climate Space”, la rassegna cinematografica ideata da Ludovico Einaudi e curata da Francesco Cara che presenterà fino al 18 dicembre ben 15 cortometraggi d’autore provenienti da ogni parte del mondo per raccontare come il cambiamento climatico abbia inciso in diversi angoli del pianeta

“I Lie To You”, il folk in purezza di Micah P. Hinson

“I Lie To You” è un racconto immaginifico e molto personale al tempo stesso in cui mette a nudo passione e sofferenza, fragilità e poesia. Ad arricchire il tutto il suo inconfondibile approccio sospeso tra ironia e visionarietà.

Noa, star di Musica dei Cieli

La Musica dei Cieli ha brillato per la sua originalità sin dall’inizio. Un inizio che, detto per inciso, ci riporta indietro di un quarto di secolo, per l’esattezza al 1996. D’altronde, le linee guida della rassegna promossa dall’Associazione BeatMi hanno rappresentato da subito un unicum: primo, promuovere la conoscenza e il dialogo tra le culture attraverso la musica dal vivo di estrazione popolare e con un occhio di riguardo per le tematiche spirituali; secondo, utilizzare come “palcoscenico” le chiese di Milano e dell’hinterland nel periodo dell’Avvento ambrosiano.

all
news

playlist