fbpx

Electronic Sessions: intervista a Vladi Elz

Al Volvo Studio Milano, a partire dal 26 ottobre, un viaggio nelle diverse sfaccettature della musica elettronica con 3 djset originali in orario aperitivo. 

Il secondo artista ad aprirci le porte del suo mondo è Vladi Elz in arte “Abstract”, lo abbiamo intervistato per conoscere meglio la sua storia. 

Ciao Vladi, “Abstract” è una parola polisemica… cosa vuol dire per te?
Immagino che la maggior parte delle persone quando sente questo termine pensi immediatamente all’astratto. Nella mia personale visione, invece, associo il nome “Abstract” all’idea di “sintesi”. Ciò che preferisco del mio lavoro è, infatti, ricercare costantemente nuova musica spaziando tra numerosi generi per provare poi ad offrire al pubblico, di volta in volta, la miglior sintesi che io riesca a creare.

Raccontaci un po’ di te e della tua storia
La mia passione per la musica è iniziata prestissimo, iniziando a suonare il pianoforte all’età di quattro anni. Durante la mia adolescenza la mia prima grande soddisfazione è stata riuscire ad aprire un negozio di dischi. Ho poi incominciato a fare il dj e ad organizzare eventi come promoter in spazi sociali e centri culturali come il Deposito Bulk e il Leoncavallo. Successivamente la mia carriera musicale si è sviluppata concentrandosi su club come il Tunnel e portandomi a fondare il Dude di cui sono stato anche socio e direttore artistico.

Se potessi portare solo 3 dischi su un’isola deserta, quali porteresti?
Sicuramente al primo posto metterei “Songs in the key of life” di Stevie Wonder, al secondo “A Love Supreme” di John Coltrane e last but not least “Illmatic” di Nas.

Se avessi intrapreso un percorso diverso e non fossi un DJ, chi saresti?
Se non fossi un DJ, probabilmente lavorerei nel mondo del sociale.

Scopri di più sul progetto Electronic Sessions https://ponderosa.it/festival/electronic-sessions/

  • Share

you may also like

Ma quanto è bella la world music Made in Romagna dei Supermarket

Un’autentica colonna sonora “all’italiana” per non luoghi e androidi che sognano di esseri umani, un manifesto musicale che si fa portavoce di lunghe serate trascorse all’insegna di una singolare unione tra movimento e un senso di black humor surrealista. Il capostipite della World music romagnola, tra esotismo kitsch e sperimentazione radicale.

Piano City è pronta ad “invadere” Milano

Le note risuoneranno in città dal 17 al 19 maggio per l’edizione di Piano City Milano 2024!

Lucio Corsi, il mio canto libero. Rigorosamente dal vivo.

Il rocker trasformista Lucio Corsi torna in tour nella primavera-estate con concerti in giro per l’Italia.

Worm Up, concerti doc e… al fresco

Una rassegna di preriscaldamento con i protagonisti della scena internazionale, da ascoltare in condizioni ottimali, nella sostenibile leggerezza dell’aria condizionata!
E ancora dj set e concerti aperitivo con i solisti dell’orchestra milanese…

all
news

playlist