CLIMATE SPACE: Educazione Ambientale d’Artista

29.11.2021, di Giacomo Luperini

È online il calendario degli eventi di divulgazione ed educazione ambientale del climate space, in scena dall’1 al 18 dicembre al Teatro Dal Verme di Milano

Fin dalla sua nascita nel 2019, Climate Space ha creato spazi immersivi per affrontare le tematiche della crisi climatica in corso. Per allontanasi dai soli freddi dati, dall’eco-ansia e dagli sterili ragionamenti di pancia sul tema, ha schierato in campo ogni forza utile.

Ogni forza è necessaria per concorrere ad un mutamento positivo nella società. Negli anni abbiamo avuto le fotografie e la musica di Ludovico Einaudi, talk e tavole rotonde di registi, professionisti e scienziati, l’iconica selezione di cortometraggi e l’intervento di associazioni ambientaliste che sfidano le conseguenze della crisi climatica, oltre che concerti e sonorizzazioni dal vivo, per tramutare in pura emozione live le immagini e le tematiche dei film.

Quest’estate a Melpignano, per l’edizione estiva del Climate Space Film & Music Festival, si è aggiunto un nuovo ed indispensabile alleato: l’educazione ambientale. Scelta per poter coinvolgere ulteriormente le giovani generazioni, già interessatissime al tema, l’educazione ambientale sposa a pieno la filosofia del festival, utilizzando un’educazione informale, ludica ed artistica.

Al Climate Space del Teatro dal Verme l’educazione ambientale torna in grande stile. Nove professionisti della divulgazione e dell’educazione ambientale gestiranno sette giornate laboratoriali con ragazzi e le ragazze del Liceo Artistico Umberto Boccioni di Milano, già da anni impegnati in progetti artistico/scientifici su queste tematiche.

In linea con le edizioni passate, ogni giornata verrà introdotta con una proiezione di cortometraggi selezionati per introdurre ed analizzare i laboratori ambientali .

Si comincia il 2 dicembre con Fausto Pistoja e Monica Lazzarini, in rappresentanza dell’Oasi Lipu Bosco Del Vignolo, che presenteranno il laboratorio è l’uomo che salva la foresta o la foresta che salva l’uomo? per una giornata a tema “Riforestazione” introdotto dal cortometraggio Forest Man.

il 3 dicembre, la “lupologa” e divulgatrice Mia Canestrini, dopo la proiezione di Ranger propone il laboratorio Tra luce e buio, per scoprire ed’affrontare i miti contemporanei su questo animale.

il 9 dicembre sarà poi il turno della cooperativa VERDEACQUA, con Alberto Mattavelli ed Adriana Geraci che si presentano con il laboratorio “dal mare al banco del pesce”, incentrato sulla tematica dell’acquacoltura e della pesca sostenibile e preceduto dal corto Monsieur Oyster.

Il 10 dicembre Greenpeace Italia, rappresentato da Simona Savini, mette in scena un laboratorio per  comprendere ed e divulgare l’allevamento sotenibile, dal titolo “Meno è meglio: allevare il cambiamento” e supportata dal cortometraggio Capre Diem.

Il 14 dicembre spetta a il duo composto da Silvia Crema di Volpe Rossa e Francesco Perucco di Tyrrhenos Experientia Naturae, affrontare il difficile binomio tra allevamento e sostenibilità con il laboratorio Il mondo che indosso e con il cortometraggio Le custodi dell’oro delle Ande .

Il 15 dicembre l’Associazione Amici dei Boschi porta in trasferta i boschi di Pavia a Milano con un laboratorio di agroecologia dal titolo lo sai fare un buon caffè?, che affronta le tematiche dell’agricoltura in un mondo che cambia ed è introdotto dal cortometraggio It’s been to hot

Silvia Migliavacca di Lontanoverde e Fausto Pistoja dell‘Oasi Lipu Bosco Del Vignolo affrontano nuovamente la tematica della riforestazione in un laboratorio dal titolo I monumenti verdi: baluardi di biodiversità e grazie al cortometraggio The Church Forests of Ethiopia

Concludiamo in bellezza le giornate di educazione ambientale il 17 dicembre, sempre con Francesco Perucco di Tyrrhenos Experientia Naturae e Silvia Crema di Volpe Rossa che portano il loro laboratorio Deserto Biodiverso a dialogare con il cortometraggio Rann.

Purtroppo, per venire incontro alle restrizioni imposte dal covid, ogni mattinata di educazione ambientale sarà esclusivamente dedicata alla singola classe partecipante. Sarà comunque possibile prenotarsi e partecipare alle proiezioni serali dei cortometraggi ed ascoltare gli interventi degli ospiti speciali presenti. Il calendario aggiornato e la pagina per le prenotazioni sono già online sulla pagina ufficiale del Climate Space.

APPROFONDIMENTI

LIPU Bosco del Vignolo
Mia Canestrini
Verdeacqua
Volpe Rossa
Tyrrhenos
Associazione Amici dei Boschi
Lontanoverde

  • Share

you may also like

I corti e le musiche del Climate Space

Prosegue fino al 18 di dicembre il Climate Space Film & Music Festival tra laboratori, cortometraggi, dibattiti e sonorizzazioni live

festival, jazz ed indie rock: comincia l’inverno Ponderosa

Questo dicembre Ponderosa presenta una rosa di eventi e concerti poliedrica e multisfaccettata: il Climate Space, per affrontare le tematiche della crisi climatica, gli abituali concerti di dicembre di Ludovico Einaudi e ancora, tanto indie rock, jazz, world music e molto di più.

CLIMATE SPACE: allevare, coabitare, coltivare, rigenerare e salvaguardare

Quindici giornate, suddivise in cinque tematiche, dove affrontare assieme il rapporto tra esseri umani e una natura che cambia sotto la spinta della crisi climatica

Un ecosistema chiamato climate space

Il programma del Climate Space si arricchisce ulteriormente. A partire dal 30 giugno a Melpignano saranno esposte in anteprima le foto del bakstage di Elegy for the Arctic, il video da 15 milioni di views realizzato per Greenpeace da Ludovico Einaudi.

all
news

playlist