Chiedi chi erano i Jesus and Mary Chain

The Jesus and Mary Chain
The Jesus and Mary Chain

08.12.2021, di Luca Testoni

Campione del rock alternativo anni Ottanta, il gruppo dei fratelli Jim e William Reid suonerà il loro secondo album, “Darklands”, all’Alcatraz di. Milano il 12 dicembre

Sì, ci hanno preso gusto. Dopo aver suonato in concerto dalla prima all’ultima nota “Psychocandy”, nel trentennale dell’uscita dell’album-manifesto, un esordio (datato 1985) fatto di melodie orecchiabili immerse in un mare magnum di feedback di chitarre elettriche e di atmosfere simil-psichedeliche che destò tanto scalpore all’epoca, i Jesus and Mary Chain fanno in bis.

Meglio, la band dei fratelli di Glasgow Jim (canto) e William (chitarre) Reid ha deciso di riproporre integralmente anche “Darklands”, il secondo capitolo della loro discografia, uscito nel 1987.

Sarà l’Alactraz di Milano ad ospitare, il 12 dicembre, l’unica data italiana.

Come fu sempre Milano, in quel caso (l’ormai chiuso) Rolling Stone, l’unica città del Belpaese prescelta per la prima, discussa apparizione dell’allora quartetto (dove c’era spazio anche per il leader dei Primal Scream Bobbie Gilllespie ai tamburi) scoperto dalla benemerita etichetta discografica Creation. Discussa perché i 20 minuti scarsi di rumore-pop di quel concerto lasciarono non poco interdetti i giovani accorsi in massa per vedere in azione l’ultima grande novità della musica britannica dell’epoca, da cui avrebbe preso le mosse il movimento “shoegazer” di My Bloody Valentine e compagnia cantante, il più importante Oltremanica dopo il punk-rock di Sex Pistols e Clash. Per fortuna, però, dopo l’esecuzione-sprint di “Just Like Honey”, “Never Understand” et similia non ci fu nessuna rissa, nessun palco devastato, come era invece successo nel Regno Unito.

“Darklands” fu per i fratelli scozzesi, cresciuti ascoltando dosi massicce di Velvet Underground e Stooges, un modo per prendere le distanze dal sovversivo “Psychocandy”. Anziché reiterare le chitarre elettriche distorte e cacofonie assortite degli esordi, cercarono – parole loro – una sorte di quiete. La quiete dopo la tempesta, dunque. Tra riverberi e melodie sospese, chiaroscuri e malinconie in salsa decadente. Un gioiellino del rock Anni Ottanta, trainato dai singoli (tra i loro pezzi meglio riusciti) “April Skies” e “Happy When It Rains”.

APPROFONDIMENTI

Pagina Ufficiale

  • Share

you may also like

GOSPEL VOICE FAMILY: al Volvo Studio è arrivato il Natale

Il 14 dicembre i Gospel Voices Family si esibiranno al Volvo studio di Milano con a XMAS CONCERT

Musica dal vivo al 100%

Musica dal vivo: sì al 100% della capienza, ma con Green Pass e mascherina

Musica dal vivo e Green Pass: che succede ora?

Parafrasando Jovanotti, è l’inizio di una nuova era. L’era del Green pass per assistere a tutti gli spettacoli dal vivo, sia al chiuso sia all’aperto.  A cominciare dai concerti.

all
news

playlist