fbpx

Musica, teatro e natura: la nuova ricetta di Villa Arconati

03.06.2021, di Luca Testoni

Torna il festival di Villa Arconati alla piccola Versailles di Milano. Visite guidate, escursioni, teatro e tanta, tanta musica.

E sono 32. Trentadue come gli anni da cui va in scena Villa Arconati FAR – Music Festival. Non un festival qualsiasi, ma il più longevo di Milano e città metropolitana. Nemmeno la pandemia l’ha fermato. Di per sé, un primato. Ma non è l’unico. Quali altre manifestazioni dal vivo possono vantare scenari tanto suggestivi? Un vero e proprio vanto per il Comune di Bollate e la Fondazione Augusto Rancilio che promuovono la rassegna. Nessuna sorpresa: più d’uno ha definito la residenza settecentesca nella frazione di Castellazzo di Bollate come la piccola Versailles di Milano.

Anche quest’anno, come nel 2020 del resto, c’è da fare i conti con le conseguenze del Covid. Dunque, l’happening, in programma dal 25 giugno al 17 luglio, continuerà a tenersi sotto le stelle, con una capienza ridotta a 500 posti (naturalmente ben distanziati tra loro). Altra costante di questi tempi difficili, l’assenza di artisti internazionali. Ancora: tutti gli show (a prezzi contenuti) andranno in scena alle 20, poco prima che il sole inizi a tramontare. Con un’unica, gradita eccezione. Il concerto all’alba. Una novità assoluta per Villa Arconati. «Sì, il concerto all’alba, alle 6 del mattino, non l’avevamo mai fatto», confida Lucia Albrizio, assessora alla Cultura e Pace di Bollate. «Per uscire dall’emergenza credo che ci sia bisogno di nuove idee e nuove prospettive. A mio avviso, l’esibizione del pianista-compositore Remo Anzovino, la mattina del 4 luglio, ha un forte valore simbolico. Il simbolo del risveglio nella bellezza. È un esperimento che merita di essere tentato. Oltre al concerto, ci sarà anche tempo per fare una bella passeggiata alla scoperta del giardino monumentale e per un caffè. Mi piace pensarla come l’alba di una nuova era».

C’è lo zampino dell’assessora bollatese anche dietro la decisione di allestire un cartellone nel segno della parità di genere. Ad inaugurare l’edizione 2021 del festival sarà Rachele Bastreghi, voce e pianista dei Baustelle, reduce dall’album di debutto solista, “Psychodonna”, in cui compaiono come ospiti Meg e Chiara Mastroianni. Il 9 luglio toccherà poi alla cantautrice rhodense Cristina Donà, anche lei fresca di uscita con un nuovo disco, “deSidera”; e, dopo di lei, il 10 luglio, microfono aperto per la scrittrice Michela Murgia che proporrà il monologo teatrale “Dove sono le donne?”. In quota maschile, invece, vanno ascritte le esibizioni degli Avion Travel (28 giugno); di Frankie HI-NGR MC e AljazZeera e di Moni Ovadia, rispettivamente il 16 e il 17 luglio.

Manca ancora qualcosa? Sì, il concerto del 3 luglio del progetto synth-pop Il Quadro di Troisi. Una collaborazione con il festival di musica elettronica Terraforma, pure lui di casa a Villa Arconati, ma che quest’anno è stato cancellato.

APPROFONDIMENTI

sito ufficiale

  • Share

you may also like

JAZZMI, viaggio nel fantastico mondo jazz in 11 giorni

«Il jazz dimostra sempre una vitalità assolutamente senza fine. Si rigenera, si proietta in avanti, si mescola dialogando sempre con altri stili e altri influenze».
Difficile dare torto a Luciano Linzi che, assieme a Titti Santini, è lo storico direttore artistico di JAZZMI, il festival milanese prodotto da Associazione JAZZMI, Ponderosa Music & Art e Triennale Milano Teatro, in collaborazione con Blue Note Milano, giunto alla sua settima edizione. 
Oltre una quarantina i concerti in programma dal 29 settembre al 9 ottobre ospitati in diversi spazi della città.

Monfortinjazz, dal 10 luglio al 5 agosto 2022

Nel cuore delle Langhe resiste con convinzione Monfortinjazz, da 46 edizioni a questa parte una dei punti di riferimento tra le rassegne di musica dal vivo del nostro Paese. 
Dal 10 luglio al 5 agosto sono cinque le serate sotto le stelle in programma all’Auditorium Horszowski di Monforte d’Alba. Un classico che non è venuto meno nemmeno durante l’estate della prima ondata pandemica nel 2020.

Elio, Ludovico, Margherita, Valerio, Benjamin & C.: quanta bella gente a Verucchio

Musica di qualità senza uno specifico genere di riferimento. Al contrario, tanti generi che si contaminano tra loro, che fanno del Festival di Verucchio un luogo di sperimentazione. Come del resto ha sempre voluto Ludovico Einaudi, a lungo direttore artistico della manifestazione, giunta quest’anno alla sua trentottesima edizione e in programma dal 26 al 31 luglio sul sagrato della Collegiata dello splendido borgo sulle colline riminesi.

Goran Bregović, star dell’edizione 2022 del Festival di Villa Arconati

Il 19 luglio Goran Bregović sarà la star del Festival di Villa Arconati. Da noi , il gran cerimoniere della musica balcanica versione export, è ormai un classico. D’altronde, gli show della sua straordinaria Banda per Matrimoni e Funerali, affollata accolita di cantanti e suonatori serbi e macedoni, bulgari e romeni, difficilmente deludono. 

all
news

playlist